Codice Etico e Regolamento Allevatori

Regolamento Serenissima Cat Club  per la cura e l’allevamento di gatti

  1. Generalità
    I proprietari e gli allevatori di gatti, soci dell’Associazione si impegnano a rispettare le leggi e i regolamenti relativi all’allevamento di mammiferi attualmente in vigore in Italia e nell’ambito della Comunità Europea. Ciò include l’adeguata alimentazione e il mantenimento dello stato di salute. Un gatto che mostri qualsiasi segno di malattia deve essere immediatamente portato da un veterinario.
  2. Riproduttori
    Si raccomanda che le fattrici non vengano fatte riprodurre prima dei 10 mesi di vita, a meno che situazioni particolari, come l’eccessivo numero di calori ravvicinati, non mettano in pericolo la salute della gatta.
    Ciascuna fattrice non dovrà riprodurre più di tre cucciolate in 24 mesi e non più di due in 12 mesi.
    In considerazione del fatto che spesso non è possibile prevedere in alcun modo il comportamento delle fattrici, e che pertanto, nonostante l’impegno dell’allevatore per evitarlo, tale numero può essere superato accidentalmente, e comunque mai piu di una volta, tale comportamento non è normalmente sanzionato, a meno che non se ne accerti la volontarietà, nel qual caso vale quanto previsto al successivo punto 6.  E’ Assolutamente vietato l’utilizzo per riproduzione di soggetti con malattie testate sul DNA, nel caso si evidenzino su cuccioli problematiche inerenti a queste malattie, l’Allevatore è tenuto a testare i due riproduttori e nel qual caso risultassero positivi o portatori del gene malato, lo stesso è tenuto a non usare più in riproduzione i soggetti.
  3. Cuccioli
    I cuccioli devono essere accuditi nel massimo rispetto delle loro esigenze di crescita, per quanto riguarda il cibo, l’attività fisica e la socializzazione, vivendo in un ambiente pulito, sereno e confortevole.
    E’ vietato trasferire i cuccioli nella casa del nuovo proprietario ad un’età inferiore 85 giorni.
    I cuccioli che lasciano l’allevamento devono essere completamente svezzati, sverminati e vaccinati secondo le prescrizioni del veterinario dell’allevamento e secondo la prassi corrente (almeno vaccinazione trivalente e relativo richiamo).
    Si raccomanda vivamente l’impianto di un microchip in funzione di identificativo dei cuccioli.
    Ciascun cucciolo nato nell’allevamento di un socio deve essere registrato presso il Libro Origini.
    È vietata la cessione di cuccioli senza pedigree.
    La cessione di ciascun cucciolo deve essere documentata mediante la stesura di un apposito contratto, sia che la cessione venga effettuata “per allevamento”, sia che venga fatta “per compagnia”.
    Si raccomanda di utilizzare allo scopo il documento “Promessa di Vendita” messo a disposizione dal Club per i Soci SCC che ne faranno richiesta, che deve essere compilato e firmato in tutte le sue parti. Nel caso l’allevatore trovi opportuno inserire ulteriori clausole rispetto a quanto previsto potrà farlo senza darne conoscenza al Club.
  4. Denunce di nascita e Richieste Certificati Genealogici 
    Come da regolamento W.C.F. non potranno essere ceduti cuccioli di fattrici registrate senza Certificato Genealogico.  Non potranno essere emessi certificati genealogici a Soci senza regolare Affisso WCF registrato.                                                                                                                                                    I termini della presentazione documenti sono :
    Denuncia di Cucciolata  : entro 60 giorni dalla nascita possono essere concessi massimo ulteriori 30 giorni con aumento del costo della pratica (vedi tariffe)
    Richiesta di iscrizione al LO : entro 1 mesi dalla denuncia di nascita, senza incorrere in sovrapprezzo, ma mai oltre i mesi 3 dalla nascita. la richiesta di iscrizione al LO deve obbligatoriamente essere compatibile con il numero di cuccioli dichiarati nella denuncia di Cucciolata. Non sarà possibile richiedere separatamente i Certificati Genealogici (a una denuncia di nascita di 4 cuccioli deve seguire una richiesta di iscrizione al LO di 4 cuccioli nella stessa pratica). Qualsiasi tentativo di dichiarare dati non corretti sulle denunce verrà sanzionato nei modi e termini al punto 6. Tutte le fattrici devo obbligatoriamente essere registrate nel LO Serenissima.
  5. Conduzione generale dell’allevamento
    I gatti che costituiscono l’allevamento devono essere considerati a tutti gli effetti membri della famiglia dell’allevatore, devono quindi godere di tranquillità, libertà, confort e pulizia, oltre che delle attenzioni dell’allevatore.
    In particolare gli stalloni, che l’allevatore può scegliere di separare dalle femmine onde evitare le gravidanze indesiderate, devono essere particolarmente seguiti per mantenere al meglio il loro equilibrio psicofisico, facendoli vivere in ambiente salubre e predisponendo una adeguata compagnia.
    Il numero di lettiere deve essere proporzionale al numero di gatti presenti. Deve esserne scrupolosamente curata la pulizia.
    Il cibo messo a disposizione deve essere idoneo per qualità e quantità al numero e alla razza dei gatti presenti in allevamento, frequentemente rinnovato e accompagnato da acqua pulita.
    È vietato l’uso di gabbie, se non in circostanze particolari (malattie, cure mediche, interventi chirurgici), ed esclusivamente per il periodo necessario all’isolamento dal resto del gruppo.
  6. Sanzioni
    La sanzione per il mancato rispetto del Codice Etico è la radiazione dal Serenissima Cat Club
    Qualora il Consiglio Direttivo riceva segnalazioni relativamente al mancato rispetto del Codice Etico da parte di un suo socio, provvederà ad inviare allo stesso un richiamo scritto, imponendo un termine per la ricezione di controdeduzioni.
    Nel caso non venga inviata alcuna controdeduzione si provvederà all’immediata irrogazione del provvedimento, senza ulteriore possibilità di appello.
    Diversamente il Consiglio Direttivo provvederà a passare la segnalazione alla Commissione Disciplinare, che provvederà ad effettuare tutti gli accertamenti necessari, compresa la visita all’allevamento. Al termine del proprio lavoro la commissione formulerà un parere relativo alla reale necessità di prendere provvedimenti a carico del socio inadempiente.
    La commissione, assieme al Consiglio Direttivo, potrà trasmettere la documentazione raccolta alle autorità competenti in caso ravvisi gli estremi di un reato.